Tutte le news

L'Arcivescovo apre a Corato la Porta Santa

26/02/2018
Commenta questo elemento

Giovedì 22 Febbraio l’Associazione Luisa Piccarreta si è gioiosamente unita ai festeggiamenti  della comunità di San Domenico per l’apertura del Giubileo Parrocchiale e della Porta Santa. Un tempo di grazia offerto all'intera Città di Corato, per ricordare i cinquecento anni della presenza dei dominicani in città. La Chiesa di San Domenico è una delle strutture religiose più antiche; nata nei primi anni del 1200 come convento benedettino, subì una trasformazione nel XVI secolo quando, grazie al sostegno del marchese Ladislao D'Aquino, nel 1518, passò ai domenicani.

Luisa Piccarreta è l’anello che lega e congiunge i domenicani ai Piccoli Figli della Divina Volontà. Ricordiamo infatti che Luisa divenne terziaria domenicana col nome di  Maddalena abbracciando l’ideale di vita proprio del fondatore: l'amore per la salvezza delle anime mediante il dono della verità.

Anno giubilare aperto ufficialmente da S. Ecc.ma Mons. Leonardo D’Ascenzo che ha presieduto la Solenne Celebrazione Eucaristica.

«Questo anno giubilare inizia nel tempo della Quaresima - ha commentato l’Arcivescovo nell’omelia - che come Papa Francesco afferma è un periodo che ci dona tante occasioni per ricominciare ad amare, e ci ricorda che il cuore di Dio è sempre aperto verso di noi per donare  bontà, misericordia e perdono... L’augurio per questo giubileo parrocchiale – è proprio questo – aprire il nostro cuore all’Amore di Dio per riceverlo e poi donarcelo reciprocamente.

La Porta Santa è Gesù -  ha sottolineato  Mons. D’Ascenzo – e tutti noi, attraversando quella Porta vogliamo dire che desideriamo passare attraverso Gesù, quindi seguirLo. Gesù stesso, nel Vangelo di Giovanni, s’identifica con la porta (Gv 10,9): "io sono la porta, se uno entra attraverso di me, sarà salvato". Ed è ancora Gesù stesso che negli scritti di Luisa definisce la Sua Umanità e la conoscenze sulla Divina Volontà come la Porta che apre il Regno della Divina Volontà e ci permette di vivere in esso.

La prima porta che aprirò sarà la mia Volontà “ (Vol.17- 30  Maggio 1925) e “come la volontà umana ha le sue porte, le sue scale per scendere nell’abisso dei mali, così la Divina Volontà ha le sue porte, le sue scale per salire, i suoi cieli, i suoi beni immensi…" Ogni conoscenza che la riguarda è come una porta che si apre, è una via che ci si apre davanti, che dobbiamo percorrere. Vedi dunque il gran bene delle tante conoscenze che ti ho manifestato? - dice Gesù a Luisa - Sono tante porte che ti facilitano l’entrata nel suo regno e in ogni porta ho messo un angelo a custodia, affinché ti dia la mano e ti conduca sicura nelle regioni della Divina Volontà. ( Vol. 32- 28 Maggio 1933)

Fiat!

·         Prossimo appuntamento con la comunità domenicana: il 3 marzo, nell’ambito delle celebrazioni per la settimana  dell’obbedienza (28 Febbraio – 4 marzo)  quando  l’Associazione Luisa Piccarreta parteciperà alla conferenza tenuta dal padre domenicano Francesco Giacomo Maria sull’importanza del laicato domenicano.

 

Antonella
Commenti
Vuoi inserire un commento? Registrati oppure effettua il Login!
Ultimi commenti 0 di 0
Non sono presenti commenti