Tutte le news

Un Ricongiungimento familiare

attribuito a Luisa “La santa”

02/02/2016

In un tempo in cui le famiglie fanno fatica a restare unite,  la testimonianza a seguire rappresenta un messaggio di speranza.

Dall’inizio del suo pontificato Papa Francesco ha puntato subito l’accento sul tema della misericordia e richiamato l’importanza della famiglia, definendo quest’ultima la prima e più importante scuola di misericordia.

Il racconto, giunto alla nostra Associazione qualche mese addietro, ci offre un esempio concreto del tema  che sta molto a cuore al nostro Pontefice

A testimoniare questa “speciale guarigione” è la madre di uno dei protagonisti e la attribuisce con fede all’intercessione della Serva di Dio Luisa Piccarreta e noi fedelmente la riportiamo con l’augurio che questo diventi l’anno speciale delle riconciliazioni matrimoniali.

«Mio figlio e sua moglie si separarono nel 2012, dopo una violenta discussione che costrinse J. a chiamare la polizia. Mio figlio R. fu accusato di aver assalito la moglie e di impedirle di fare una chiamata d'urgenza. Con il coinvolgimento delle forze dell'ordine la situazione si aggravò, il risultato fu la separazione. Da quel punto in poi la loro vita matrimoniale e' stata vissuta in un continuo pericolo. Io non ebbi più contatto sia con J. che con i mie due nipoti. Il mio unico contatto con J. fu quello di vederla in tribunale, che fu sempre causa di grande sofferenza.

Dopo un periodo di tempo, J. fece domanda di divorzio. Noi realizzammo che non c'era nulla da fare per salvare il matrimonio. Durante il tempo della separazione, R. vide i bambini insieme alla moglie una volta la settimana per solo un'ora. Questo tipo di visite durò molti mesi. Durante questo tempo la famiglia di J. era convinta che lei si fosse eventualmente divorziata.

Nello stato in cui noi abitiamo la coppia deve rimanere separata per un anno prima di chiedere il divorzio. Col passare del tempo non si vide alcun segno di riconciliazione.

Nel  2013, mio marito ed io decidemmo di partecipare ad una Conferenza Nazionale Della Divina Volontà. In quel giorno dopo la conclusione della conferenza, decisi di confessarmi. Confessai i mie peccati a poi chiesi al sacerdote se potevo pregare Luisa ed implorarla di intercedere affinché il matrimonio di mio figlio fosse salvato. Lui disse: "certamente".

Da quel giorno in poi, mio marito ed io prendemmo l'impegno di pregare ogni giorno “le ore della Passione” e anche la "Vergine Maria nel Regno della Divina Volontà. Cominciammo a pregare ogni giorno,  implorando la sua l'intercessione affinché, con il suo aiuto, il matrimonio di R. e J. fosse salvato. Ho pregato con tutta sincerità le tre preghiere, chiedendo ed implorando la Beatificazione della Serva di Dio Luisa Piccarreta. Io credo che lei ha udito ogni mia supplica.

Il 14 settembre del 2013, festa dell'esaltazione della Croce, andai a confessarmi da un nuovo sacerdote . In confessione gli spiegai che mio figlio R. era stato arrestato e a noi non era permesso visitarlo per due anni, a causa delle restrizioni richieste dalla moglie J. Spiegai al sacerdote che le accuse fatte da J. verso R. erano tutte esagerate. Egli mi chiese di informare J. che lui le voleva parlare. Lasciai il confessionale pensando che J. non avrebbe acconsentito di parlare col sacerdote.

Tornata a casa, presi il telefono per chiamare J. e vedere se lei avrebbe accettato di parlare col sacerdote affinché egli avrebbe potuto pregare su di lei e implorare la guarigione degli effetti causati dalla realtà di essere moglie di un alcolizzato. R. Fino ad  allora J. era completamente decisa a fare il divorzio. Non avrebbe neanche pensato di discutere sulla possibilità di una riconciliazione.

J. si incontrò col sacerdote e si trattenne per tre ore, solo per ascoltare i suoi consigli. Dopo l’incontro, J. chiamò  R., dicendogli che voleva riconciliarsi. Si mise subito in contatto con il suo avvocato e gli disse di fermare immediatamente il processo per il divorzio. Dal momento della riconciliazione ad oggi, R. non ha toccato bevande alcoliche. J. e' rimasta incinta del loro terzo figlio, dopo solo due mesi dalla riconciliazione.

Io credo con tutto il cuore che è stata Luisa ad intercedere per J. e R. tramite le preghiere del sacerdote».

In Fede,

K.

Associazione Luisa Piccarreta
Commenti
Vuoi inserire un commento? Registrati oppure effettua il Login!
Ultimi commenti 0 di 0
Non sono presenti commenti